GIORNO 3:

GEOFF ROSS CELEBRA LA PRIMA VITTORIA DELLA NUOVA ZELANDA ALLA 42BELOW COCKTAIL WORLD CUP

Ricaricate le energie dopo i primi due giorni di gara, i 24 barman rappresentanti i 7 Paesi sono stati guidati verso le rive del lago Wakatipu per affrontare la terza sfida di questo grande evento: "Ready, Steady Shake"

Ai team sono stati proposti una serie di ingredienti misteriosi tra cui yoghurt di fichi, liquore di kumquat, noci e wasabi tra i quali scegliere. Avevano solo 7 minuti per decidere, preparare e dare un nome al loro drink prima di  presentarlo ai giudici per i quali è stato difficilissimo scegliere un vincitore!

Ma alla fine, ha vinto il team Neozelandese che ha usato la scatola misteriosa per creare il "It’s 42 Bro", un cocktail unico a base di albicocche fresche, sciroppo di noci e Rocket sauce oltre ovviamente alla vodka 42below,  proposto all’interno di un originalissimo recipiente elaborato con una bottiglia di plastica ed un coltello da cucina.

Simmon Difford, creatore del magazine britannico Class, ha premiato la squadra di casa proprio per la creatività, oltre che all’equilibrio tra gli ingredienti e la capacità di lavorare in team.

A celebrare la vittoria del team neozelandese anche un Vip d’eccezione: Geoff Ross, fondatore di 42 Below, che ha affermato di ricordarsi ogni drink realizzato durante questa competizione dalle mani di baristi veramente eccezionali.

Oggi sarà il momento di lasciare Queenstown per la capitale neozelandese di Wellington in attesa del grande evento live di sabato 27 marzo che riserverà emozionanti sorprese oltre all’incoronazione del team vincitore!

42BELOW COCKTAIL WORLD CUP RECIPE OF THE DAY

RICETTA DI "IT’S 42 BRO":

– 42BELOW Vodka

– Josè Cuervo tradicional

– Fresh apricot

– Rocket sauce

– Vanilla sugar

– Chestnut syrup

– English breakfast tea syrup

– Peychaud’s Bitters

Servire con papaya fresca spruzzata con zucchero vanigliato e aroma di pompelmo.

Vodka 42 below IT'S 42 BRO

 

Vodka 42 below IT'S 42 BRO 2

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr