GIORNO 4:

GLI SFIDANTI TENTANO UN PERFETTO MARTINI NON APPENA ARRIVATI A WELLINGTON

La maggiorparte delle gare della 42 Below cocktail world cup sono valutate sull’originalità e la creatività dei drinks realizzati, ma quando si tratta di misurare le abilità di un vero bartender, solo un drink è in grado di porre i parametri di giudizio: il classico Martini.

"Modern Martini" è stata la quarta sfida dell’edizione 2010 della 42 Below World Cup, in cui le 8 squadre hanno dovuto preparare la loro versione dell’intramontabile drink.

I quattro giudici internazionali hanno raccomandato ai baristi di non eccedere durante questo round ma piuttosto di attenersi alla ricetta originale, ed è stato proprio ciò che ha fatto il team irlandese aggiudicandosi questa vittoria.

Il loro appropriatissimo "Kia Kaia" – "reggetevi forte" in Maori – è composto da 42Below Pure e Lillet Blanc con una spruzzata di 42Below Vodka mist.

Secondo Jim Meehan, US bartender dell’anno che sarebbe orgoglioso di servire il Kia Kaia nel suo bar,  il team irlandese è stato premiato sia per la semplicità che l’eleganza nella realizzazione del drink.

La sfida Modern Martini ha inaugurato l’arrivo del gruppo a Wellington insieme all’incredibile esperienza da rock star che baristi e giurati hanno potuto vivere sull’elicottero che li ha portati dallo Skyliner Gondola all’aeroporto.

Le squadre proseguiranno questa sorprendente giornata con un tour dei migliori locali notturni di Wellington, tra cui Metterhorn, Motel e Hawthorne Lounge prima di godersi due giorni di meritato riposo per affinare la loro tecnica in previsione della grande finale di sabato.

42BELOW COCKTAIL WORLD CUP RECIPE OF THE DAY

KIA KAHA

– 50 ml 42BELOW Pure

– 20 ml Little Blanc

– 42 Below Feijoa Vodka mist

vodka 42below ireland

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr