E’ il momento delle diete, o almeno uno dei momenti dell’anno.
A gennaio per i bagordi di fine anno.
A maggio per la prova costume da bagno.
A luglio poco prima delle vacanze
A settembre per il dopo vacanze
A novembre invece comincia l’abbandonarsi alle libagioni che terminerà dopo la fine dell’anno.
Allora facendo due conti rimane Febbraio ma c’è S. Valentino, Marzo ma ci sono la festa della donna, festa del papà, Aprile c’è Pasqua, Agosto ci sono le vacanze e senza contare i vari ‘Ponti’ durante l’anno.
Dunque un continuo abbandonarsi e fare dieta.
Cosa fare? Prima di tutto meglio un giorno da leoni con relative libagioni che un continuo, anche se frenato, abbandono in tante piccole gratificazioni alimentari.
Poi la dieta. Giustificata, con controllo medico, per i casi più impegnativi.
Ma ingiustificata quando si vogliono perdere pochi Kg.
In questi casi per prima cosa ricordiamoci che ci vuole tempo e piccoli sacrifici giornalieri. E’ così anche per quelle diete pubblicizzate miracolose (si il miracolo di arricchire chi le propone).
Eliminare dolcetti o stuzzichini durante la giornata.
Ridurre drasticamente gli alcolici, durante i pasti si al bicchiere di vino.
Bere molta acqua.
Ai pasti consumare solo mezze porzioni diversificate e molta verdura.
Durante la giornata calmare la voglia di stuzzicare con frutta.
Camminare e muoversi.
Non c’è bisogno di palestra per dimagrire. La palestra serve agli sportivi e per tonificare i muscoli.
E’ sufficente seguire queste raccomandazioni per perdere i pochi kg di sovrappeso. Senza pastiglie, pappine, prodotti dietetici, diete che assicurano miracoli fai da te, che potrebbero influire sulla salute.
Pensiamoci un pò. Se facendo diete pubblicizzate spendiamo per acquisti di prodotti particolari e perdiamo pochi kg che poi recuperiamo poco a poco, meglio seguire i consigli sopra elencati dove la salute rimane al primo posto e con risparmio economico (1/2 porzioni, poco alcol, nessun additivo commerciale).
Comunque non esagerate a voler essere magrissime o magrissimi, non è bello vedere o toccare solo ossa.
Riflessioni by Sergio.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr