Lo SPRITZ Veneziano, conosciuto come Aperol Spritz, è stato inserito nellelenco dei Cocktail Ufficiali IBA

LInternational Bartenders Association (IBA) ha incluso nella sua lista ufficiale di cocktail lo Spritz Veneziano, il drink a base di Aperol famoso in tutto il mondo

clip_image002

 

Sesto San Giovanni (Italia)19 Dicembre 2011 – Durante l’ultimo congresso annuale tenutosi a Varsavia, l’International Bartenders Association (IBA) ha inserito lo Spritz Veneziano nella classifica dei suoi Drink Ufficiali (Official Drinks). La lista dei Cocktail Ufficiali IBA selezionati dall’Associazione include i drink più conosciuti e serviti dai barman professionisti di tutto il mondo.

Lo Spritz Veneziano, tra i suoi ingredienti base, si tinge anche di Aperol. Aperol è l’aperitivo perfetto. Di colore arancio vivace, ha un inconfondibile gusto dolce-amaro, grazie ad una ricetta segretissima e mai variata sin dalla prima produzione nel 1919 a Padova.

Il nome Veneziano è legato all’origine stessa dello Spritz: sembra che la sua nascita coincida con l’occupazione austriaca in Italia durante il XIX secolo. L’origine del nome, infatti, potrebbe derivare dal verbo tedesco spritzen, che significa “spruzzare” o, dal nome dato ai vini austriaci prodotti nella regione occidentale di Wachau. Le guarnigioni dell’Impero si appassionarono subito ai vini veneti che si consumavano nelle taverne locali. Tuttavia, per stemperare la gradazione alcolica molto più elevata della birra che erano abituati a bere, i soldati spesso allungavano il vino con l’acqua. Negli anni successivi, il rituale dello Spritz si è diffuso in tutte le città del Veneto e negli ultimi dieci anni l’Aperol Spritz abbinato al Prosecco è diventato uno dei drink prediletti e più consumati nei bar di Venezia (Veneziano).

Aperol Spritz è l’aperitivo perfetto da bere in compagnia. Il basso contenuto alcolico, il gusto leggermente frizzante e rinfrescante e il colore arancio vivace, lo rendono il drink ideale da gustare con gli amici, prima di un pasto per stuzzicare l’appetito o all’ora dell’aperitivo accompagnato da stuzzichini vari. È un drink vivace che evoca lo stile di vita italiano, dall’ora dell’aperitivo ad una serata da trascorrere all’aperto. Solare e brioso, Aperol ha l’inconfondibile e gradevole sapore italiano ma, allo stesso tempo, vanta un appeal internazionale che lo rende un aperitivo di culto anche in Germania e Austria.

Linclusione di Spritz Veneziano tra i drink Ufficiali IBA è il riconoscimento del successo che Aperol Spritz sta riscuotendo a livello internazionale. Londa arancionecome ci piace chiamarlasi è originata prima a Venezia e nel Veneto, ha allargato il suo raggio di diffusione in tutta Italia, fino a sconfinare in Germania, Austria, Svizzera ed oltre, mentre un numero sempre maggiore di barman include il drink nella propria lista di cocktail, ha affermato Andrea Conzonato, Chief Marketing Officer, Gruppo Campari.

La categoria Unforgettable dei Drink Ufficiali IBA comprende anche due aperitivi classici, Negroni e l’Americano, entrambi a base di Campari. Anche loro, insieme allo Spritz Veneziano, contribuiscono ad accrescere la popolarità del rituale dell’Aperitivo a livello internazionale.

 

SPRITZ VENEZIANO (Aperol Spritz) – RICETTA UFFICIALE
Sparkling Cocktail

· 6 cl (2 oz.) Prosecco

· 4 cl (1-1/4 oz.) Aperol

· 1 Spruzzo di Soda

Preparare in un bicchiere rock con cubetti di ghiaccio. Colmare con uno spruzzo di soda. Guarnire con mezza fettina d’arancia.

 

Profilo Aperol

Aperol nasce a Padova nel 1919, prodotto dai Fratelli Barbieri, i quali lanciarono la rivoluzionaria idea di un aperitivo con una leggerezza alcolica di soli 11 gradi. Da allora la popolarità di Aperol è cresciuta esponenzialmente, grazie al suo gusto fresco e versatile e alla capacità di abbinarsi a numerose altre bevande. Acquisito negli anni Novanta dalla Barbero 1891, poi entrato a far parte del Gruppo Campari, Aperol ha raggiunto nel tempo nuovi record di popolarità e diffusione grazie al suo distintivo drink Aperol Spritz.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr