Barman Massimo La Rocca.jpgFin dall’inizio della sua carriera, Massimo La Rocca é stato un esempio per affidabilità, professionalità nonché capacità e competenze, che ha tenuto a migliorare e ad affinare in modo da ampliare la sua cultura professionale.
 
Così, con tanta buona volontà e determinazione, decise di recarsi a
Londra e successivamente in Australia per testare nuove tecnologie lavorative e approfondire la conoscenza della lingua inglese, scoprendo una grande passione per il “bere miscelato”.
Ritornato in Italia, dopo altre importanti esperienze lavorative,
frequentò un corso professionale A.I.B.E.S. ottenendo ottimi risultati.
 Dopo anni di esperienza maturata all’estero (Claridge’s Hotel -Savoy Group, Harrods’ Georgian Restaurant – Londra / Così Restaurant – Melbourne), ha svolto la sua professione presso il LAB American Bar (www.lab-bar.it) di Senigallia e, con lo stesso marchio, presso la Terrazza Marconi SPA Marine (www.terrazzamarconi.it) dove si é cimentato giornalmente al cospetto di una clientela sempre più esigente, proponendo una miscelazione creativa ed innovativa
caratterizzata dall’uso di verdure, spezie, frutta e spume e
influenzata dalle intriganti infusioni di distillati “fai da te”, con
occhio sempre attento all’evoluzione del bere miscelato contemporaneo.

Ha da poco aperto un suo spazio sul web dedicato al mondo del bere miscelato, con lo scopo di mettere a disposizione di tutti gli
appassionati e operatori che mettono cuore e professionalità
nell’ambito della “Mixology”, informazioni utili, curiosità, ricette e
links molto interessanti. ( http://maxologist.blogspot.com )

Alcuni dei suoi Cocktails “d’autore”:
– Aneto Martini
– White Grapes and Basil Martini
– Home infused Cucumber vodka French 75
– Raspberry and Ginger Grey Goose Caipiroska
– Apple and Ginger Cosmopolitan (Below 42)
– Bombay Passion Daiquiri
– Anchovies and Port Bloody Mary with celery foam
– Passion Fruit and Strawberry Sangria
– Pimm’s Cup with Cucumber and Mint Foam

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr