Rose’s Cup 2012 – Cristian Guitti si classifica secondo alla cocktail competition e l’Italia vince l’oro come miglior team.

Il Team italiano torna vittorioso da Copenhagen.

Al culmine di due anni di preparazione solo 21 su 4.000 tra i migliori bartender europei sono arrivati a partecipare alla finale europea 2012 della Rose’s Cup, cocktail competition che si tiene ogni 2 anni e che si è svolta lo scorso 30 agosto a Copenhagen: 21 Bartender specializzati, estremamente ambiziosi e creativi si sono sfidati nell’atteso evento organizzato da Hans Just S.A., produttrice dei Rose’s Cordial Mixer.

Tra questi anche il team italiano selezionato durante le due sessioni della Rose’s Cup, organizzata a giugno in Italia da OnestiGroup S.p.A., distributore del marchio Rose’s per il mercato nazionale.

Appartengono al team il barman Carlo Elia, vincitore della sessione romana e bartender del "Ritrovo la Dolce Vita" nella capitale; Gerardo Callipo e Cristian Guitti – selezionati nelle due sessioni di Milano – entrambi barman al "Bitter Bar" di Firenze.

Carlo Elia ha preparato il cocktail "Pua Lai", a base di vodka, Coconut Rose’s, Lemon Rose’s, Grenadine Rose’s e ananas fresco che lo aveva portato a sbaragliare i 20 concorrenti della finale italiana di Roma.

Cristian Guitti ha partecipato con "Green Hornet", uno shake and strain preparato con vodka bianca, Sugar Cane Rose’s, succo di limone, centrifuga di sedano e top di ginger beer.

Il collega Gerardo Callipo ha presentato "One night in Bangkok": vodka bianca, Coconut Rose’s, succo di lime, centrifuga di carota e centrifuga di peperone giallo.

La Rose’s Cup è stata concepita con l’ambizione di sostenere il talento e la creatività dell’elite del bartending a livello europeo e ad oggi è diventata una gara internazionale di ottimo livello. Ad ogni edizione aumenta il numero di paesi europei partecipanti ed il numero iniziale di iscritti.

La giuria, composta da 12 tra i maggiori esperti di settore a livello internazionale, tra cui Steinar Jensen – mixologist e leader dalla European Bartending School, Ruedi Zotter – uno dei profili più riconosciuti nel bartending internazionale – e presieduta da Martin Bergquist della Swedish bartender Guild, ha giudicato il livello medio dei partecipanti e dei drink realizzati molto alto.

Il titolo di vincitore assoluto è andato a Lisa Bergström, del team svedese, seguita dal nostro Cristian Guitti, che ha sfiorato il gradino più alto del podio per un soffio. Il suo "Green Hornet" è stato definito come "drink non convenzionale, dal gusto rinfrescante ed affascinante". Terzo classificato il norvegese Ørjan Kønig.

All’international Rose’s Cup non sono stati premiati solo i migliori bartender, ma anche i tre migliori team nazionali i cui partecipanti hanno ottenuto il miglior punteggio dalla giuria: l’italia ha vinto il trofeo a squadre come miglior team.

Con la vittoria di squadra ed il secondo miglior posto nell’assoluto, l’Italia porta a casa un risultato ottimo, che da lustro al livello dei bartender italiani oltre ad entusiasmare i tre partecipanti.

Cristian Guitti commenta a caldo: "E’ bello essere uno dei tre migliori candidati su 4.000. Sono molto orgoglioso. Ho lavorato a lungo su questo progetto, cercando di qualcosa di nuovo, qualcosa di originale e gustoso. Il mio ‘Green Hornet’ include anche un ingrediente come il sedano, che raramente è utilizzato in drink e cocktail. E’ bello e motivante sapere che la prestigiosa giuria abbia apprezzato qualcosa che ho creato. Inoltre, il fatto che la squadra italiana abbia portato a casa anche il primo posto come team nazionale mi riempie d’orgoglio."

Appuntamento con la prossima Rose’s Cup per il 2014.

 

I TRE MIGLIORI DRINK:

 

Il vincitore, Lisa Bergstrom (Svezia): Three seconds of Fame

2 cl Skyy Vodka infusions Citrus

2 cl De Kuyper Sour Rhubarb

2 cl Rose’s Triple Sec

½ cl succo di limone fresco

4 cl succo di mela Bravo

½ Passionfruit fresco

Decorazione: Alkekengi

Shakerare tutti gli ingrdienti conghiaccio a cubi, filtrare e versare in un calice ghiacciato. Decorare con un alkekengi.

 

Secondo classificato, Cristian Guitti (Italia): Green Hornet

5 cl Vodka

3 cl Rose’s Sugar Cane

3 cl Rose’s Lemon

5 cl centrifuga di sedano

Top di Ginger Beer

Decorazione: sedano e una fetta di limone disidratato

Shakerare tutti gli ingredienti con ghiaccio e versare in un bicchiere highball con ghiaccio a cubi. Decorare con una fetta di limone disidratato e con sedano.

 

Terzo classificato, Ørjan Kønig (Norvegia): First date

2 cl Vodka

2 cl Bacardi Lemon

1 cl Rose’s Vanilla

1 cl Rose’s Sugar Cane

2 cl Rose’s lemon

8 cl sorbetto al limone e menta

Decorazione: foglie di menta fresca

Shakerare tutti gli ingredienti con ghiaccio e versare in un bicchiere highball con ghiaccio a cubi. Decorare confoglioline di menta fresca.

 

clip_image001

Il team italiano: Gerardo Callipo, Carlo Elia, Andrea Onesti (A.D. di OnestiGroup) e Cristian Guitti

 

clip_image003

Cristian Guitti e a lato il suo “Green Hornet”

 

OnestiGROUP S.p.A. Via Toscana 5/7 – 29017 Fiorenzuola d’Arda (PC) – Italy Tel. +39 0523 245511 Fax vendite +39 0523 245590 Fax amministrazione +39 0523 245595 E-mail: info@onestigroup.com Web: www.onestigroup.com Reg. imprese e P. Iva IT 00934460338 – R.E.A. PC n° 116014 – Cap. Soc. € 250.000 int. vers.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn