Metodo Canario
I Rum Arehucas vengono prodotti secondo il metodo tradizionale canario, storicamente anello di congiunzione tra lo stile spagnolo, francese ed inglese. Tutti i rum della selezione Volontè non contengono caramello.
Distillazione:
Fase estremamente complessa, qui Arehucas produce quattro tipi di distillati: Distillato agricolo; Distillato di melassa; Ridistillato agricolo; Ridistillato di melassa.
Questi verranno poi miscelati tra loro in precise proporzioni
Invecchiamento:
Secondo la tradizione canaria solo i più nobili distillati vengono invecchiati, non avrebbe senso mettergli fretta. Così ogni botte viene lasciata invecchiare fino a quando acquisisce i giusti sentori, indipendentemente dagli anni.
L’invecchiamento indicato sui prodotti è quello minimo garantito.

Canna da Zucchero
L’isola di Gran Canaria è dove si è sviluppata per la prima volta la coltivazione della materia prima del Rum: la Canna da Zucchero.
Coltivata con grande successo sin dal 1490, la Canna da Zucchero Canaria è ad oggi l’unica che ancora mantiene il suo ritmo naturale di crescita di un metro all’anno.
Il risultato è  una insuperabile qualità degli zuccheri contenuti, a scapito della quantità prodotta.
Al giorno d’oggi la produzione di zucchero è quasi abbandonata. La maggior parte delle piantagioni dell’isola sono destinate alla sola produzione di Rum, autentico simbolo dell’isola.

Ron Blanco Ron oro Ron 7 anni Ron Anejo

Ron Capitan Kidd 2 Ron Capitan Kidd

Espressione d’arte:
Capitan Kidd è la massima espressione dell’arte del Rum canario. Prodotto da Arehucas usando solo puro succo di canna da zucchero canaria, ogni fase di produzione viene portata al massimo della qualità.
Passati 20 anni, ogni botte viene controllata una volta all’anno dal Mastro Ronero Arehucas, il quale decide quando è pronta per l’imbottigliamento. Riesce ad arricchirsi fino ai 30 anni d’invecchiamento, come solo i migliori distillati sanno fare.

Ron Miel GuancheC’e anche il RON MIEL Ottimo Liquore caratteristico delle Canarie

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr