Red Bull

 

Ci sono alcune leggende su Red Bull.

 

La più comune racconta che la taurina viene estratta direttamente dai testicoli dei tori o dallo sperma bovino: come ogni leggenda metropolitana, prende spunto da un fatto vero, poiché effettivamente tale sostanza è stata scoperta nella bile del toro, da cui il nome, ma come viene riferito dal sito ufficiale "la taurina contenuta in Red Bull® Energy Drink è una sostanza interamente sintetica prodotta da compagnie farmaceutiche, e non è di derivazione animale né contiene componenti animali".

Altre leggende vogliono pericolosa la bevanda per via del glucuronolattone, che sarebbe stato inventato dalla C.I.A. negli anni sessanta come allucinogeno per i soldati della guerra del Vietnam, effetto che si potrebbe riscontrare bevendo Red Bull caldo, o della B12 che verrebbe utilizzata per i malati di coma etilico;

 

Altre affermerebbero che in una lattina ci sarebbe l’equivalente in caffeina di dodici caffè quando in realtà ve n’è solamente l’equivalente di un espresso;

 

Altre ancora affermano che l’utilizzo può causare un infarto fulminante, emorragie cerebrali o malattie nervose irreversibili, danni al fegato se mescolate con alcol.

 

Un’ultima leggenda metropolitana recentemente smentita, riguarda la limitazione delle vendite in alcuni paesi.

Spesso, a supporto di queste tesi, le fonti citano il fatto che in Danimarca, Francia e Norvegia non fosse autorizzata la vendita di tale prodotto, ma in realtà la bevanda è in vendita in tutti questi paesi anche se con delle limitazioni. In particolare in Francia era vietata la vendita fino a giugno 2008, e ora sia in Francia che in altri paesi è obbligatorio mettere delle avvertenze speciali quali ad esempio il divieto di somministrazione alle donne incinte.

 

Fonte: http://it.wikipedia.org/wiki/Red_Bull 

 

NOTA: Naturalmente in Wikipedia chi scrive sono privati cittadini, dunque gli scritti sono sempre da verificare e approfondire.

Comunque in tutti i casi è consigliato un consumo moderato.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInPin on PinterestShare on Tumblr